Flashpoint: Consulenza e Formazione sulle Merci Pericolose

ADR IMDG IATA  REACH  CLP/GHS  RoHS RAEE

News Novembre 2005

E’ stato pubblicato il Decreto Ministero delle Attività Produttive del 18 ottobre 2005 (GU n. 252 del 28/10/2005) sui criteri applicativi, le modalità, i termini di compilazione e di invio del riepilogo dei trasporti di materie radioattive e fissili speciali effettuati da parte delle società operatrici, ai sensi dell'articolo 21, comma 3, del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, e sue modifiche e integrazioni.DM_AP_18_10_05.pdf
E’ stata pubblicata la POSIZIONE COMUNE (CE) N. 30/2005 (G.U. dell’Unione Europea C264/E del 25/10/2005).
In tale testo sono riportate le norme sulla commercializzazione di pile e accumulatori e sulla raccolta, il trattamento, il riciclaggio e lo smaltimento dei rifiuti di pile e accumulatori, in vista dell’adozione della direttiva che andrà ad abrogare la direttiva 91/157/CEE.
Posizione_Comune_CE_30_2005.pdf
E’ stata pubblicata la Direttiva 2005/72/CE (G.U. dell’Unione Europea L279 del 22/10/2005) che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio relativa all’immissione in commercio dei prodotti fitosanitari con l’iscrizione nell’allegato I della direttiva stessa delle sostanze attive clorpirifos, clorpirifos metile, mancozeb, maneb e metiram. Direttiva_2005_72_CE.pdf
Chi di voi ha avuto modo di partecipare al seminario organizzato in giugno da Orange Project sul tema “MERCI PERICOLOSE: TRASPORTO MARITTIMO ED INTERMODALE” si ricorderà che, fra gli aspetti individuati come più significativi per un corretto e sicuro sviluppo del trasporto intermodale in Italia, era emersa chiaramente l’esigenza di un coordinamento intermodale a livello dell’autorità competente per l’armonizzazione di tutte le iniziative del settore.
E’ quindi con grande soddisfazione e grandi aspettative che comunichiamo l’istituzione della “Commissione di coordinamento sul trasporto di merci pericolose”, che nasce con l’obiettivo di assicurare un’attuazione efficace e coordinata dei compiti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in materia.
Istituzione Commissione.pdf
Il Parlamento Europeo ha approvato il 17 novembre scorso la proposta di regolamento REACH (acronimo di Registration, Evaluation and Authorisation of Chemicals), il sistema integrato unico di registrazione, valutazione ed autorizzazione delle sostanze chimiche.

In base a tale regolamento le imprese che producono ed importano sostanze chimiche devono valutare i rischi derivanti dalla loro utilizzazione ed adottare le necessarie misure per gestire qualsiasi rischio riscontrato.
La proposta di regolamento è stata approvata a larga maggioranza sulla base di un compromesso che mira a rendere la sua attuazione più funzionale e meno onerosa per le imprese, in particolare quelle medie e piccole.
Il REACH dovrebbe concludere il suo iter legislativo l’anno prossimo ed entrare in vigore nel 2007. Da quel momento saranno previsti 11 anni di tempo per la sua completa attuazione.

Alleghiamo un resoconto della seduta tratto dal sito del Parlamento Europeo.Votazione REACH.pdf
E’ stata pubblicata la Decisione 2005/777/CE (G.U. dell’Unione Europea L293 del 9/11/05) che modifica l’allegato I della decisione 2005/180/CE che autorizza gli Stati membri, a norma della direttiva 96/49/CE del Consiglio, ad adottare determinate deroghe in relazione al trasporto di merci pericolose per ferrovia.
In particolare sono state autorizzate le modifiche alle seguenti deroghe concesse al Regno Unito:
- RA-SQ 15.2 relativa alla movimentazione di serbatoi fissi nominalmente vuoti non adibiti al trasporto
- RA-SQ 15.4 relativa ai «quantitativi totali massimi per unità di trasporto» diversi per le merci della classe 1 nelle categorie 1 e 2 della tabella di cui al punto 1.1.3.1.
- RA-SQ 15.5 relativa all’ Adozione di RA-SQ 6.6 (Esenzione dall'etichettatura di vagoni adibiti al trasporto di veicoli stradali carichi di colli).Decisione Commissione 13-10-2005.pdf
In base a quanto stabilito dal DM 13 gennaio 2004, n. 36 (G.U. 24 del 30 gennaio 2004) per essere imbarcati i veicoli stradali devono essere in possesso di un documento attestante la rispondenza al Punto 5 della risoluzione IMO A.581(14) rilasciato dall'Amministrazione del Paese di immatricolazione o da Organismi autorizzati dalla stessa.
Questa disposizione era immediatamente operativa per i veicoli cisterna e per i veicoli trasportanti esplosivi; per tutti gli altri veicoli l'obbligo è entrato in vigore dal 31/10/2005.
Al fine di uniformare le procedure per il rilascio della sopracitata attestazione la Direzione Generale per la Motorizzazione Dipartimento per i Trasporti Terrestri ha diramato la circolare 3777_MOT2/C contenente le istruzioni relative a richieste avanzate sia in fase di omologazione dei veicoli che in fase di accertamento dei requisiti di idoneità alla circolazione.
Circ_31_10_05_3777_MOT2.pdf

Sottocategorie

2017 - © Flashpoint s.r.l. Tutti i diritti sono riservati. Partita IVA 01479600502

Via Norvegia, 56 int. 20 - 56021 Cascina (PI)
Tel. (+39) 050/716.900 - Fax (+39) 050/716.920 - email: info@flashpointsrl.com
P.zza F. Caltagirone, 75 - 20099 Sesto S. Giovanni (MI)
Tel. (+39) 02/660.43197 - Fax (+39) 02/612.97647
Cap.soc. 50.000 € i.v. - Reg. Impr. di Pisa 7606 - C.CI.A.A R.E.A PI 130782
Sede legale: Via Norvegia, 56 int. 20 - 56021 Cascina (PI)

 Disclaimer & Privacy Codice Etico Sitemap Credits

Il presente sito utilizza i "cookie" per migliorare la navigazione e analizzare il traffico.