Flashpoint: Consulenza e Formazione sulle Merci Pericolose

ADR IMDG IATA  REACH  CLP GHS  RoHS Biocidi

mercipericolose.it

Il Portale delle Merci Pericolose

Newsletter

Trasporti, REACH, CLP
tutte le NEWS gratuite

ISCRIVITI SUBITO!

News Maggio 2003

COMUNICATO STAMPA

TRASPORTO MERCI PERICOLOSE: AL VIA COMMISSIONE SPECIALE PRESSO IL MINISTERO DEI TRASPORTI
Tra gli obiettivi dichiarati dal Sottosegretario Paolo Uggé, maggiore attenzione sul settore, favorire la sicurezza diminuendo il numero degli incidenti e ridurre l’impatto ambientale.

Roma, 29 Maggio 2003. “Una Commissione speciale per il trasporto delle merci pericolose sarà istituita presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nelle prossime settimane e sarà operativa entro l’estate”. E’ quanto ha annunciato Paolo Uggè, Sottosegretario di Stato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, questa mattina a Roma al Residence Ripetta, a conclusione della conferenza stampa di presentazione del convegno “Trasporto merci pericolose: La sicurezza alla base della conoscenza” che si terrà a Napoli il 20 e 21 giugno presso l’Auditorium di “Città della Scienza”.

“La Commissione – ha spiegato il Sottosegretario - sarà formata da esperti tecnici che, in accordo con i Ministeri interessati, cercheranno di definire uno schema di operatività comune, nell’ambito della piena sicurezza, per favorire l’attenzione sul settore e aiutare le aziende che trasportano e gestiscono merci pericolose quali esplosivi, gas, sostanze infiammabili, tossiche, infettanti e radioattive”.

Tra il 1995 e il 2000, in Italia, ben 227 incidenti stradali hanno coinvolto merci pericolose, vale a dire prodotti quali gasolio, benzina, metano e acido cloridrico; preparati come alcune vernici, inchiostri, solventi e fitofarmaci; rifiuti pericolosi tra cui solventi esausti, rifiuti sanitari, acque di lavaggio e bonifiche e batterie usate; oggetti come airbag, bombolette aerosol, giochi pirotecnici, macchine frigorifere.

In 5 anni, con una media di quasi 4 incidenti al mese, sono state disperse nell’ambiente soprattutto materie infiammabili (21% benzina, 19% gasolio, 16% GPL). Nel 10% dei casi questi incidenti, per una serie di fattori contingenti quali l’innesco di reazioni chimiche, hanno provocato seri danni ambientali con la contaminazione di mari, fiumi e laghi, lo sviluppo di diossine e gas tossici.

“E’ necessario mantenere costantemente alto – ha detto Giandomenico Villa, Presidente del Comitato Orange Project – il livello di attenzione sul settore, per le possibili conseguenze negative sulle persone e sull’ambiente. Con questo obiettivo, è nata la Fondazione Orange Project, con lo scopo fra l’altro di mettere insieme un sistema di raccolta dati, migliorare l’informazione preventiva e favorire l’adeguamento del nostro Paese all’evoluzione normativa internazionale”. “Il convegno dei prossimi 20 e 21 giugno – ha continuato Villa – vuole essere un primo passo per contribuire a far luce sul trasporto merci pericolose, iniziando ad analizzare le novità introdotte dall’ADR RID 2003 (la normativa internazionale di diretta applicazione), che entrerà in vigore il 1° luglio. Il percorso è lungo, ambizioso, fondamentale e concreto, aspetti questi ultimi confermati oggi dall’annuncio di una Commissione Speciale di cui siamo onorati di fare parte”.

Per la complessità della materia e per il ruolo fondamentale ricoperto dalle merci pericolose all’interno dei processi produttivi, è ormai da anni che tutti gli aspetti comuni ai diversi modi di trasporto (stradale, ferroviario, marittimo, aereo) sono esaminati da un Comitato di Esperti ONU, con sede a Ginevra, che definisce i criteri di classificazione delle merci pericolose, le tipologie di imballaggi e dei contenitori-cisterna, le etichette di pericolo, che vanno a costituire il corpo delle Raccomandazioni ONU, il famoso Orange Book.

“Il trasporto delle merci pericolose – ha detto Sergio Benassai, Presidente Comitato Esperti ONU sul Trasporto di Merci Pericolose - è sempre più internazionale e intermodale. Per garantire il rispetto delle norme di sicurezza, è necessaria una regolamentazione armonizzata e il coordinamento fra operatori, esperti di sicurezza e pubblica amministrazione. I questo contesto, la presenza continua e attiva dell’Italia negli organismi internazionali è fondamentale”.

Qui sotto i comunicati delle Agenzie e l'intervista del Sottosegretario Dott. Uggè al GR1.AGENZIE 30.05.2003.doc
Ad oltre tre anni dall'introduzione dell'obbligo del "Consulente per la Sicurezza dei Trasporti di Merci Pericolose" (DGSA - Dangerous Goods Safety Advisor) e in vista del Primo Convegno Nazionale del 21 giugno 2003, il Gruppo di Lavoro attivato dal Comitato ORANGE PROJECT sui problemi del settore "Trasporto e gestione merci pericolose", ivi compresa la figura professionale del "Consulente", propone una serie di interventi raccolti in uno specifico contenitore virtuale: il "Dossier DGSA 2003".

Il "Dossier DGSA 2003" è costituito da una raccolta di Cartelle Monografiche che, pubblicate ed aggiornate periodicamente, hanno per oggetto i diversi aspetti del settore che sono stati esaminati e studiati da parte dei membri del Gruppo di Lavoro nel corso della propria attività professionale e/o istituzionale.

Il download gratuito delle cartelle monografiche è possibile all'indirizzo sottoindicato cliccando su "FORUM"
Considerata la decisione della Commissione Europea n. 2002/885/CE, del 7 novembre 2002, vengono apportate modifiche alla data a partire dalla quale i fusti a pressione, le incastellature di bombole e le cisterne per il trasporto di merci pericolose devono essere conformi alla direttiva 96/49/CE.
D_LGS_09_04_03_n113.pdf
In attesa di un completo recepimento nella normativa nazionale delle disposizioni contenute nel codice internazionale marittimo sulle merci pericolose (I.M.D.G. Code) viene autorizzato, in alternativa a quanto prescritto nella normativa nazionale, il trasporto marittimo di merci pericolose in contenitori cisterna e veicoli cisterna stradali o ferroviari conformi alle disposizioni dell'I.M.D.G. Code, contenenti le merci pericolose allo stato liquido oppure allo stato di gas liquefatti.
DM_18_04_03.pdf
Il decreto Ministero della Salute del 11 febbraio 2003 recepisce la direttiva 2002/62/CE, recante nono adeguamento al progresso tecnico dell'allegato 1 della direttiva 76/769/CEE del Consiglio del 27 luglio 1976, relativa alle restrizioni in materia di immissione sul mercato e di uso di talune sostanze e preparati pericolosi.
La direttiva 2002/62/CE aveva aggiornato l'allegato alla 76/769/CEE con l'inserimento dei composti organostannici.


DM_Salute_11_02_03.pdf
Pubblichiamo qui di seguito la comunicazione riportata sul sito dell'Istituto Superiore si Sanità relativa alle informazioni inerenti i preparati pericolosi da inviare all'ISS ai sensi del D.M. 19/04/2000:
Si comunica che è stato pubblicato sul Supplemento ordinario della G.U. n. 87 del 14 aprile 2003 il Decreto Legislativo 14 marzo 2003 n. 65, che recepisce le direttive 1999/45/CE e 2001/60/CE relative alla classificazione, all'imballaggio e all'etichettatura dei preparati pericolosi. Tale decreto abroga il D.Lgs. 285/98, e quindi risulta automaticamente abrogato anche il D.M. 19/4/2000 che da esso derivava.
Le disposizioni relative all'Archivio Preparati Pericolosi sono state quindi riprese dal D.Lgs. 65/2003, e si ritrovano all'art. 15 e all'Allegato XI. Con l'occasione vengono riaperti i termini per la dichiarazione, che a questo punto scadranno definitivamente 60 giorni dopo la pubblicazione del Decreto medesimo, e cioè il 13 giugno 2003.

Il decreto Ministero della Salute del 12 marzo 2003 recepisce la direttiva 2002/61/CE, recante diciannovesima modifica alla direttiva 76/769/CEE del Consiglio del 27 luglio 1976, relativa alle restrizioni in materia di immissione sul mercato e di uso di talune sostanze e preparati pericolosi.
La direttiva 2002/61/CE aveva aggiornato l'allegato alla 76/769/CEE con l'inserimento dei coloranti azoici.
Gli allegati al decreto sono disponibili in leggi e decreti.DM_Salute 12_03_03.pdf

Sottocategorie

2018 - © Flashpoint s.r.l. Tutti i diritti sono riservati. Partita IVA 01479600502
Sedi: Pisa - Monza - Padova
Sede legale:
Via Norvegia, 56 - 56021 Cascina (PI)
Tel. (+39) 050/716.900 - Fax (+39) 050/716.920 - email: info@flashpointsrl.com
Cap.soc. 50.000 € i.v. - Reg. Impr. di Pisa 7606 - C.CI.A.A R.E.A PI 130782

Disclaimer & Privacy Codice Etico Sitemap Credits

Informiamo che è stata modificata la nostra privacy policy a seguito dell'entrata in vigore del Reg. UE 679/2016 (GDPR), la preghiamo di prenderne visione al link http://www.flashpointsrl.com/disclaimer

Il presente sito utilizza i "cookie" per migliorare la navigazione e analizzare il traffico.