Flashpoint: Consulenza e Formazione sulle Merci Pericolose

ADR IMDG IATA  REACH  CLP/GHS  RoHS RAEE

News Giugno 2015

E' stata pubblicata la rettifica (G.U. dell'Unione Europea L137 del 04/06/2015) della direttiva 2013/10/UE che modifica la direttiva 75/324/CEE relativa agli aerosol al fine di adattare le sue disposizioni concernenti l'etichettatura al regolamento CLP. Con la rettifica è stato corretto l'errore di traduzione evidenziato nella nostra news.

E' stato pubblicato il Regolamento 2015/864 (G.U. dell'Unione Europea L139 del 05/06/2015) che rivede, tenendo conto del tasso di inflazione, le tariffe e gli oneri stabilite dal regolamento 340/2008 pagabili ad ECHA a norma del REACH. In media si registra un aumento del 1,5%. Le nuove tariffe sono in vigore dal 25 giugno 2015.

E' stata pubblicata la Decisione (UE) 2015/886 della Commissione dell'8 giugno 2015 (G.U. dell'Unione Europea L144 del 10/06/2015) recante modifica della decisione 2014/312/UE che stabilisce i criteri ecologici per l'assegnazione di un marchio comunitario di qualità ecologica ai prodotti vernicianti per esterni e per interni.

Dopo l'entrata in vigore lo scorso 1 giugno del regolamento CLP come riferimento per la classificazione, imballaggio ed etichettatura anche per le miscele, molte aziende si trovano a dover valutare se possono usufruire dell'esenzione dall'obbligo di rietichettare i propri prodotti che riportano ancora l'etichetta secondo la vecchia direttiva preparati pericolosi.
In tale contesto alleghiamo una nuova circolare del Ministero della Salute che rettifica la precedente circolare n.18101 del 26/05/2015, relativa all'applicazione della deroga di due anni per l'adozione della etichetta CLP per le miscele fabbricate e immesse sul mercato prima del 1° giugno 2015.
Rispetto alla precedente viene modificato il punto 3 del paragrafo "Le verifiche".

Candidate List: aggiunte 2 nuove sostanze

ECHA ha aggiornato la Candidate List con 2 nuove sostanze riconosciute come altamente problematiche (SVHC). Nella tabella allegata sono riportate le sostanze aggiunte nella Candidate list il 15 giugno2015 nonché il motivo della loro inclusione:

Substance name EC number CAS number Date of inclusion
Reason for inclusion
1,2-benzenedicarboxylic acid, di-C6-10-alkyl esters; 1,2-benzenedicarboxylic acid, mixed decyl and hexyl and octyl diesters with ≥ 0.3% of dihexyl phthalate (EC No. 201-559-5) 271-094-0
272-013-1
68515-51-5
68648-93-1
15/06/2015 Toxic for reproduction (Article 57 c)
5-sec-butyl-2-(2,4-dimethylcyclohex-3-en-1-yl)-5-methyl-1,3-dioxane [1], 5-sec-butyl-2-(4,6-dimethylcyclohex-3-en-1-yl)-5-methyl-1,3-dioxane [2] [covering any of the individual stereoisomers of [1] and [2] or any combination thereof] - - 15/06/2015 vPvB (Article 57 e)

La Candidate List attualmente contiene 163 sostanze.

Gli obblighi di legge previsti per le aziende in seguito all'inserimento delle sostanze in candidate list si riferiscono alle sostanze da sole, nelle miscele o contenute in articoli.
In particolare i produttori e gli importatori di articoli contenenti una qualsiasi delle 2 sostanze SVHC sopra elencate hanno a disposizione fino al 15 dicembre 2015 per effettuare la notifica all'ECHA se sono pertinenti le seguenti due condizioni:

  • la sostanza è contenuta in tali articoli in quantitativi superiori a una tonnellata all'anno per produttore o importatore e
  • la sostanza è contenuta in tali articoli in concentrazione superiore allo 0,1% in peso/peso.

Ci sono esenzioni dall'obbligo di notifica se la sostanza è già registrata per tale l'uso o quando è possibile escludere l'esposizione.
Come previsto dal regolamento REACH, sarà seguita una procedura specifica per decidere se le sostanze debbano essere incluse anche nell'elenco delle sostanze soggette ad autorizzazione (allegato XIV del regolamento REACH).

REACH 2018: pronti?

Continua la campagna di sensibilizzazione di ECHA per ricordare alle aziende l'avvicinarsi dell'ultima deadline di registrazione. Entro il 31 maggio 2018 dovranno essere registrate tutte le sostanze phase-in preregistrate importate o prodotte nella fascia di tonnellaggio 1/100 t/anno. Sembra una data ancora lontana ma, in realtà, il lavoro dietro a una registrazione è tanto ed è bene che le aziende, se non lo hanno ancora fatto, partano al più presto per definire quali sostanze devono registrare e procedere velocemente con il lavoro. Per aiutare le imprese a non farsi trovare impreparate ECHA ha pubblicato le registrazioni del recente webinar "REACH 2018: Know your portfolio and start preparing now".

Si segnala che Flashpoint effettua il servizio di affiancamento alle aziende per valutare quali sostanze registrare e per redigere il dossier di registrazione. Contattaci per una valutazione mirata!

Nuovi dati sui nanomateriali dall'OECD

Il gruppo di lavoro dell'OECD sui nanomateriali ha iniziato la pubblicazione di nuovi dati su 11 nanomateriali. Le aziende che hanno registrato tali sostanze in forma di nanomateriali dovranno prendere in considerazione queste informazioni e aggiornare i loro dossier di conseguenza.
I nanomateriali in questione sono:

  • Fullerenes;
  • single-walled carbon nanotubes;
  • multi-walled carbon nanotubes;
  • silver;
  • gold;
  • dendrimers;
  • silicon dioxide (six different forms);
  • nanoclays;
  • titanium dioxide (six different forms);
  • cerium dioxide;
  • zinc oxide.

Chiusura di sicurezza per il bambino: Al centro del mirino

Si svolgeranno da luglio a dicembre 2015 delle ispezioni mirate in particolare a valutare il rispetto delle prescrizioni sulla presenza di un'idonea chiusura di sicurezza per i bambini sui prodotti di consumo. In allegato un riassunto dei casi in cui tale chiusura è prevista secondo il CLP, come tratta dalla "Guida ECHA all'etichettatura e all'imballaggio a norma del regolamento (CE) n. 1272/2008".
Prodotti tipici che la prevedono includono detergenti, prodotti per lavanderia e disgorganti.

Aggiornamento dell'inventario C&L con Seveso III

ECHA ha rilasciato un aggiornamento dell'inventario delle classificazioni ed etichettature includendo per le sostanze armonizzate le informazioni ai sensi della direttiva 2012/18/UE (Seveso III) che ha abrogato, dal 1° giugno, la direttiva 96/82/CE.

Biocidi: pareri su principi attivi

Il Comitato sui prodotti biocidi (BPC) si è riunito per l'undicesima volta dal 15 al 18 giugno 2015 e ha adottato pareri sui seguenti principi attivi e tipi di prodotto (PT):

  • Biphenyl-2-ol per PT 4 e 6
  • PHMB: approvazione per PT 2, 3, 4 e 11; non approvazione per PT 1, 6 e 9
  • Cybutryne non approvazione per PT 21
  • Triclosan non approvazione per PT 1
  • Cyromazine per PT 18
  • DDAC per PT 8
  • ADBAC/BKC per PT 8

Si segnala, inoltre, che è disponibile la versione R4BP 3.3 della piattaforma centralizzata attraverso cui vengono presentate tutte le domande relative ai biocidi. Per il corretto utilizzo della piattaforma sono stati pubblicati anche dei video tutorial disponibili sul canale youtube di ECHA.

Classificazione CLP: corrigendum a Guida

Si segnala la pubblicazione del corrigendum alla Guida per l'applicazione dei criteri CLP (versione 4.1).

Restrizioni

Si segnala la consultazione sulla SEAC draft opinion relativamente alle restrizioni per la sostanza Bis(pentabromophenyl) ether (decabromodiphenyl ether) (DecaBDE) (CAS 1163-19-5).
Il termine per l'invio dei commenti è il 17/08/2015.
Si segnala inoltre la consultazione sulle proposte di restrizione relativamente alla sostanza Octamethylcyclotetrasiloxane (D4),Decamethylcyclopentasiloxane (D5) (CAS 556-67-2, CAS 541-02-6), che terminerà il 18/12/2015.

Consultazioni pubbliche su proposte di CLH

Avviata la consultazione pubblica sulla proposta di classificazione e dell'etichettatura armonizzata per le sostanze:

Substance name  
EC number CAS number
Start of consultation
Deadline for
commenting 
Amisulbrom (ISO),3-(3-bromo-6-fluoro-2-methylindol-1-ylsulfonyl)-N,N-dimethyl-1H-1,2,4-triazole-1-sulfonamide - 348635-87-0 16/06/2015 31/07/2015
chlorocresol; 4-chloro-m-cresol; 4-chloro-3-methylphenol 200-431-6 59-50-7 16/06/2015 31/07/2015
flutianil (ISO); (2Z)-{[2-fluoro-5-(trifluoromethyl)phenyl]thio}[3-(2-methoxyphenyl)-1,3-thiazolidin-2-ylidene]acetonitrile - 958647-10-4 16/06/2015 31/07/2015
Hexaflumuron (ISO),1-(3,5-dichloro-4-(1,1,2,2-tetrafluoroethoxy)phenyl)-3-(2,6-difluorobenzoyl)urea 401-400-1 86479-06-3 02/06/2015 17/07/2015
nonadecafluorodecanoic acid; ammonium nonadecafluorodecanoate; sodium nonadecafluorodecanoate 206-400-3
221-470-5
335-76-2
3108-42-7
3830-45-3
16/06/2015 31/07/2015
Penthiopyrad (ISO),(RS)-N-[2-(1,3-dimethylbutyl)-3-thienyl]-1-methyl-3-(trifluoromethyl)pyrazole-4-carboxamide - 183675-82-3 02/06/2015 17/07/2015
Pyroxsulam - 422556-08-9 16/06/2015 31/07/2015
Silver zinc zeolite (Zeolite, LTA framework type, surface modified with silver and zinc ions) - 130328-20-0 02/06/2015 03/08/2015

 

Autorizzazioni: Triossido di diarsenico

Concessa autorizzazione alla società Yara France per l'uso industriale del triossido di diarsenico come coadiuvante tecnologico per attivare l'adsorbimento e il desorbimento di anidride carbonica da parte del carbonato di potassio da gas di sintesi formatosi nella produzione di ammoniaca.

 

Le informazioni sono tratte da http://echa.europa.eu

Sono disponibili sul sito dell'UNECE le Istruzioni scritte in portoghese conformi al 5.4.3 come modificato dall'edizione 2015 dell'Accordo ADR.
Si segnala, inoltre, la firma da parte di Regno Unito, Germania e Svezia dell'Accordo multilaterale M284. L'Accordo Multilaterale M284 prevede di estendere l'esenzione prevista dal 2.2.3.1.5 ADR ai liquidi viscosi che sono anche pericolosi per l'ambiente se trasportati in imballaggi contenenti una quantità netta fino a 5 litri. Tale esenzione è di interesse per alcune associazioni di settore che auspicano sia a breve firmato l'accordo M284 anche dall'Italia: vi terremo informati su ogni sviluppo in merito.

E' stata pubblicata la Decisione di esecuzione (UE) 2015/974 della Commissione del 17 giugno 2015 (G.U. dell'Unione Europea L157 del 23/06/2015) che autorizza gli Stati membri ad adottare determinate deroghe, a norma della direttiva 2008/68/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa al trasporto interno di merci pericolose.

Al momento l'Italia non figura tra i Paesi che hanno previsto tali deroghe nazionali.

E' stato pubblicato il Regolamento (UE) 2015/830 della Commissione del 28 maggio 2015 (G.U. dell'Unione Europea L132 del 29/05/2015) che modifica il regolamento REACH.
In particolare viene modificato l'allegato II del REACH, relativo alle prescrizioni che il fornitore deve rispettare per la compilazione della scheda di dati di sicurezza di sostanze e miscele in conformità all'articolo 31 del REACH. Il regolamento 2015/830 si applica a decorrere dal 1 giugno 2015.

Sottocategorie

2017 - © Flashpoint s.r.l. Tutti i diritti sono riservati. Partita IVA 01479600502

Via Norvegia, 56 int. 20 - 56021 Cascina (PI)
Tel. (+39) 050/716.900 - Fax (+39) 050/716.920 - email: info@flashpointsrl.com
P.zza F. Caltagirone, 75 - 20099 Sesto S. Giovanni (MI)
Tel. (+39) 02/660.43197 - Fax (+39) 02/612.97647
Cap.soc. 50.000 € i.v. - Reg. Impr. di Pisa 7606 - C.CI.A.A R.E.A PI 130782
Sede legale: Via Norvegia, 56 int. 20 - 56021 Cascina (PI)

 Disclaimer & Privacy Codice Etico Sitemap Credits

Il presente sito utilizza i "cookie" per migliorare la navigazione e analizzare il traffico.