Flashpoint: Consulenza e Formazione sulle Merci Pericolose

ADR IMDG IATA  REACH  CLP/GHS  RoHS RAEE

News Giugno 2016

Sono stati pubblicati i seguenti regolamenti che modificano l'allegato XVII del regolamento REACH per quanto riguarda le restrizioni pertinenti per:

  • le fibre d'amianto (crisotilo) (Regolamento (UE) 2016/1005 della Commissione del 22 giugno 2016 (G.U. dell'Unione Europea L165 del 23/06/2016). Il regolamento modifica la voce 6 dell'allegato XVII;
  • i sali di ammonio inorganici (Regolamento (UE) 2016/1017 (UE) 2016/1017 della Commissione del 23 giugno 2016 (G.U. dell'Unione Europea L166 del 24/06/2016). In particolare è aggiunta la nuova voce 65 che prevede per i Sali di ammonio inorganici il divieto di l'immissione sul mercato o l'uso in miscele isolanti in cellulosa o in articoli isolanti in cellulosa dopo il 14 luglio 2018, a meno che l'emissione di ammoniaca da tali articoli o miscele non produca una concentrazione inferiore a 3 ppm in volume (2,12 mg/m3) nelle condizioni di prova previste nella specifica tecnica CEN/TS 16516, adattata come specificato nel regolamento in questione.

E' stato pubblicato il Regolamento (UE) 2016/918 della Commissione del 19 maggio 2016 (G.U. dell'Unione Europea L156 del 14/06/2016) recante modifica, ai fini dell'adeguamento al progresso tecnico e scientifico, del regolamento n. 1272/2008 (CLP).
Questo 8° ATP aggiorna tra l'altro il Regolamento CLP prevedendo:

  • un nuovo metodo alternativo di classificazione dei solidi comburenti,
  • una modifica delle disposizioni sulla classificazione per le classi di pericolo di corrosione/irritazione della pelle e di gravi lesioni/irritazioni oculari e gli aerosol
  • una modifica di diversi consigli di prudenza
  • un chiarimento sulla deroga all'etichettatura per le sostanze o le miscele classificate come corrosive per i metalli, ma non classificate per la corrosione della pelle o per gravi lesioni oculari

Il presente regolamento si applica a decorrere dal 1° febbraio 2018 ma per le sostanze e le miscele classificate, etichettate ed imballate in conformità al regolamento (CE) n. 1272/2008 e immesse sul mercato prima del 1° febbraio 2018 l'obbligo di rietichettatura e di reimballaggio in conformità al presente regolamento non si applica prima del 1° febbraio 2020.

E' stata pubblicata la Rettifica del regolamento (UE) n. 944/2013 della Commissione, del 2 ottobre 2013 (G.U. dell'Unione Europea L153 del 10/06/2016) recante modifica, ai fini dell'adeguamento al progresso tecnico e scientifico, del regolamento n. 1272/2008 (CLP).
Con questa rettifica è specificato il testo da utilizzare per il consiglio di prudenza codice P210 che è: «Tenere lontano da fonti di calore, superfici calde, scintille, fiamme libere o altre fonti di accensione. Non fumare.»

E' stato pubblicato il Regolamento (UE) 2016/863 della Commissione del 31 maggio 2016 (G.U. dell'Unione Europea L144 del 01/06/2016) recante modifica degli allegati VII e VIII del regolamento n. 1907/2006 (REACH) per quanto riguarda la corrosione/l'irritazione cutanea, i gravi danni oculari/l'irritazione degli occhi e la tossicità acuta. Il regolamento è vigente dal 21/06/2016.
In molti casi, le informazioni necessarie in ambito REACH per la classificazione o valutazione del rischio di una sostanza saranno ora ottenuti attraverso metodi di sperimentazione non su animali.
Sono, inoltre, attesi per l'autunno 2016 gli emendamenti relativi alla sensibilizzazione della pelle.

Le aziende hanno bisogno di prendere in considerazione le nuove prescrizioni al momento della presentazione dei dossier all'ECHA. Per superare il controllo della completezza dei fascicoli di registrazione, i dichiaranti devono fornire informazioni in base alle nuove disposizioni di legge a partire dal 21 giugno 2016.
I dichiaranti che hanno già presentato gli studi condotti in conformità con i requisiti precedenti non hanno bisogno di modificare immediatamente i loro fascicoli di registrazione ma solo in fase di aggiornamento.

Candidate List: aggiunta 1 nuova sostanza

ECHA ha aggiornato la Candidate List con 1 nuova sostanza riconosciuta come altamente problematica (SVHC).
La Candidate List attualmente contiene 169 sostanze.
Nella tabella sotto è riportata la sostanza aggiunta nella Candidate list il 20 giugno 2016 nonché il motivo della sua inclusione e un esempio di uso:

Substance name EC number CAS number Reason for inclusion
Examples of use(s)
Benzo[def]chrysene
(Benzo[a]pyrene)
200-028-5 50-32-8 Carcinogenic (Article 57a)
Mutagenic (Article 57b)
Toxic for reproduction (Article 57c)
PBT (Article 57d)
vPvB (Article 57e)

Normally not manufactured
intentionally but may occur
as a constituent or impurity
in other substances.

Gli obblighi di legge previsti per le aziende in seguito all'inserimento delle sostanze in candidate list si riferiscono alle sostanze da sole, nelle miscele o contenute in articoli.
In particolare i produttori e gli importatori di articoli contenenti la sostanza SVHC sopra elencata hanno a disposizione fino al 20 dicembre 2016 per effettuare la notifica all'ECHA se sono pertinenti le seguenti due condizioni:

  1. la sostanza è contenuta in tali articoli in quantitativi superiori a una tonnellata all'anno per produttore o importatore e
  2. la sostanza è contenuta in tali articoli in concentrazione superiore allo 0,1% in peso.

Ci sono esenzioni dall'obbligo di notifica se la sostanza è già registrata per l'uso o quando è possibile escludere l'esposizione.
Come previsto dal regolamento REACH, sarà seguita una procedura specifica per decidere se la sostanza dovrà essere inclusa anche nell'elenco delle sostanze soggette ad autorizzazione (allegato XIV del regolamento REACH).

REACH-IT nuovamente attivo dal 21 giugno

Disponibile la nuova versione di REACH-IT, allineata alla versione 6 di IUCLID e con nuove funzionalità per renderne più facile l'utilizzo.
Si segnala che è anche disponibile la nuova versione dell'IT tool CHESAR 3.0.

Chiusura di sicurezza per i bambini: molte non conformità

Il progetto di enforcement sul rispetto delle prescrizioni relativamente all'obbligo di chiusure di sicurezza a prova di bambino ha evidenziato un elevato numero di non conformità. In allegato un riassunto dei casi in cui tale chiusura è prevista secondo il CLP, come tratta dalla "Guida ECHA all'etichettatura e all'imballaggio a norma del regolamento (CE) n. 1272/2008".
Prodotti tipici che la prevedono includono detergenti, prodotti per lavanderia e disgorganti.

Interferenti endocrini: nuovi criteri di identificazione

La Commissione europea ha annunciato i criteri scientifici per determinare cosa rientra nella definizione di "interferente endocrino" per il regolamento dei pesticidi e dei biocidi.

Guide ECHA: schema degli aggiornamenti

ECHA ha previsto una moratoria di 2 anni dal 31 maggio 2016 durante la quale non sono previste ulteriori modifiche alle guide ECHA. Alcune guide fondamentali per la registrazione però necessitano di revisioni, ecco lo schema con lo stato di aggiornamento di queste.

Biocidi: pareri su 12 principi attivi

Il Comitato sui prodotti biocidi (BPC) si è riunito per la sedicesima volta dal 14 al 16 giugno 2016 e ha adottato pareri sui seguenti principi attivi e tipi di prodotto (PT):

  • Peracetic acid per PT 11 e 12
  • Cyanamide per PT 3 e 18
  • Piperonylbutoxide (PBO) per PT 18
  • Epsilon-momfluorothrin for PT 18

Sono stati inoltre adottati otto pareri relativamente al rinnovo dell'approvazione per le seguenti sostanze attive utilizzate nei prodotti anticoagulanti rodenticidi (product type 14): chlorophacinone, coumatetralyl, warfarin, bromadiolone, difenacoum, brodifacoum, difethialone, flocoumafen.

Test su vertebrati: dossier da integrare con valutazione di possibili metodi alternativi

Con il lancio della nuova versione di REACH-IT, il 21 giugno, i registranti che devono proporre test su animali vertebrati per adempiere ad un obbligo di informazione per la registrazione REACH dovranno dimostrare di aver considerato metodi alternativi documentando tali valutazioni nel fascicolo di registrazione. Tale documentazione sarà oggetto del controllo di completezza.

Agli utilizzatori di sostanze chimiche: assicuratevi che i vostri fornitori registrino le vostre sostanze in tempo!

ECHA incoraggia le imprese a verificare che fabbricanti o importatori registrino entro la scadenza ultima del regolamento REACH del 31 maggio 2018 le sostanze chimiche di interesse per la propria attività vendute e prodotte in quantità limitate.

Consultazioni pubbliche su proposte di CLH

Avviata la consultazione pubblica sulla proposta di classificazione e dell'etichettatura armonizzata per le sostanze:

Substance name  
EC number CAS number
Start of consultation
Deadline for
commenting 
(RS)-2-methoxy-N-methyl-2-[α-(2,5-xylyloxy)-o-tolyl]acetamide; mandestrobin - 173662-97-0 31/05/2016 15/07/2016
N-carboxymethyl iminobis(ethylenenitrilo)tetra(acetic acid) 200-652-8 67-43-6 31/05/2016 15/07/2016 
pentapotassium 2,2',2'',2''',2''''-(ethane-1,2-diylnitrilo)pentaacetate 404-290-3 7216-95-7 31/05/2016 15/07/2016
sodium methyl [(4- aminophenyl)sulphonyl]carbamate; sodium methyl (EZ)-sulfanilylcarbonimidate; asulam-sodium 218-953-8 2302-17-2 31/05/2016 15/07/2016 
thiabendazole (ISO); 2-(thiazol-4-yl)benzimidazole 205-725-8 148-79-8 31/05/2016 15/07/2016
Titanium dioxide 236-675-5 13463-67-7 31/05/2016 15/07/2016 
glyphosate (ISO); N-(phosphonomethyl)glycine 213-997-4 1071-83-6 31/05/2016 15/07/2016
2-benzyl-2-dimethylamino-4'-morpholinobutyrophenone 404-360-3 119313-12-1
31/05/2016 15/07/2016 

 

Proposte di restrizione: richiesta di commenti

ECHA richiede alle parti interessate di inviare le proprie osservazioni entro il 1/09/2016 sulla proposta di restrizione per:

Name EC number CAS number Status of proposal
1st deadline for comments on restriction report Final deadline for comments on restriction report Scope
(3,3,4,4,5,5,6,6,7,7,8,8,8-tridecafluorooctyl)silanetriol and any of its mono-, di- or tri-O-(alkyl) derivatives - - Opinion development 01/09/2016 15/12/2016 A restriction covering use of a combination of perfluorinated silanes and one or more organic solvents in sprays used for the general public.
Diisobutyl phthalate (DIBP), Dibutyl phthalate (DBP), Benzyl butyl phthalate (BBP), Bis(2-ethylhexyl) phthalate (DEHP) 201-553-2
201-557-4
201-622-7
204-211-0
84-69-5
84-74-2
85-68-7
117-81-7
Opinion development 01/09/2016 15/12/2016 Restriction under Article 69(2) on the four classified phthalates in articles. Depending on the outcome of the assessment, the scope of the restriction might be broad or targeted specifically to articles or article groups that are the main contributors to exposure of the general population.

 

Controllo Dossier di registrazione: aggiornato elenco sostanze "nel mirino"

ECHA ha integrato l'elenco delle sostanze che potrebbero essere scelte per un controllo di conformità.
E' raccomandato ai registranti interessati di aggiornare, se necessario, il dossier entro il 9 settembre 2016. Merita sottolineare che l'elenco è solo indicativo in quanto ECHA può decidere di controllare qualsiasi dossier in qualsiasi momento.

Restrizione Piombo

Disponibile una Guida sulla implementazione delle clausole di restrizione previste dalla voce 63 dell'Allegato XVII del REACH, riguardanti il piombo ed i suoi composti negli articoli forniti al pubblico.

 

Le informazioni sono tratte da http://echa.europa.eu

Si segnala una recente Sentenza della Corte di Giustizia che ha chiarito come gli Stati membri possano istituire a livello nazionale un obbligo di notifica e registrazione delle sostanze chimiche, senza che ciò contrasti col regolamento REACH, che già prevede un obbligo di registrazione delle sostanze a livello dell'UE.
In particolare la sentenza è relativa a una controversia tra un'azienda che ha introdotto prodotti chimici in Svezia in assenza della notifica di tale introduzione presso l'Ispettorato per le sostanze chimiche (Kemikalieinspektionen) ai fini dell'iscrizione sul registro nazionale dei prodotti chimici.

E' stato pubblicato sul sito dell'UNECE il Corrigendum alla sesta revisione del GHS (Globally Harmonized System of Classification and Labelling of Chemicals).

L'Italia ha firmato l'Accordo multilaterale M287.
L'accordo in questione riprende l'Accordo M222 relativo ai trasporti di taluni rifiuti contenenti merci pericolose scaduto il 1 agosto 2015.
Oltre a quanto già previsto dal precedente Accordo, potranno essere applicate anche le seguenti deroghe:

  • In deroga alla Disposizione speciale 663, l'UN 3509 IMBALLAGGI, SCARTATI, VUOTI, NON RIPULITI, possono contenere residui che rimangono nella confezione dopo adeguato scarico e che non possono essere rimossi senza grande sforzo.
  • Il trasporto alla rinfusa del numero ONU 3509 IMBALLAGGI, SCARTATI, VUOTI, NON RIPULITI, può essere effettuato secondo i codici BK1 o VC1 invece di BK2 o VC2, a condizione che tutte le altre condizioni restino le stesse. In nessun caso è richiesto il marchio di materia pericolosa per l'ambiente.
  • la Disposizione transitoria 1.6.1.30 relativa all'etichette e marcature non conformi all'ADR edizione 2015 si applica senza limiti di tempo.

L'accordo è valido fino al 1° agosto 2020 per trasporti

  • nazionali;
  • internazionali diretti in uno degli altri paesi che hanno sottoscritto l'accordo multilaterale M287, ovvero ad oggi: Austria, Liechtenstein e Repubblica Ceca.

Per una panoramica di tutti gli accordi in deroga firmati dall'Italia si rimanda al sito UNECE.

E' stato pubblicato il Regolamento di Esecuzione (UE) 2016/672 della Commissione del 29 aprile 2016 (G.U. dell'Unione Europea L116 del 30/04/2016) che approva l'acido peracetico come principio attivo esistente destinato a essere utilizzato nei biocidi dei tipi di prodotto 1, 2, 3, 4, 5 e 6.

E' stata pubblicata la Decisione di Esecuzione (UE) 2016/904 della Commissione dell'8 giugno 2016 (G.U. dell'Unione Europea L152 del 09/06/2016) a norma dell'articolo 3, paragrafo 3, del regolamento (UE) n. 528/2012 sui prodotti contenenti propan-2-olo usati per la disinfezione delle mani.

E' stata pubblicata la Direttiva Delegata (UE) 2015/863 della Commissione del 31 marzo 2015 (G.U. dell'Unione Europea L137 del 04/06/2016) recante modifica dell'allegato II della direttiva 2011/65/UE per quanto riguarda l'elenco delle sostanze con restrizioni d'uso.

Si segnala che è disponibile il Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 - noto come Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro - coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009 n. 106 e con i successivi ulteriori decreti integrativi e correttivi (aggiornato nell'edizione giugno 2016).

 


Fonte http://lavoro.gov.it/

Sottocategorie

2017 - © Flashpoint s.r.l. Tutti i diritti sono riservati. Partita IVA 01479600502

Via Norvegia, 56 int. 20 - 56021 Cascina (PI)
Tel. (+39) 050/716.900 - Fax (+39) 050/716.920 - email: info@flashpointsrl.com
P.zza F. Caltagirone, 75 - 20099 Sesto S. Giovanni (MI)
Tel. (+39) 02/660.43197 - Fax (+39) 02/612.97647
Cap.soc. 50.000 € i.v. - Reg. Impr. di Pisa 7606 - C.CI.A.A R.E.A PI 130782
Sede legale: Via Norvegia, 56 int. 20 - 56021 Cascina (PI)

 Disclaimer & Privacy Codice Etico Sitemap Credits

Il presente sito utilizza i "cookie" per migliorare la navigazione e analizzare il traffico.