Flashpoint: Consulenza e Formazione sulle Merci Pericolose

ADR IMDG IATA  REACH  CLP/GHS  RoHS RAEE

mercipericolose.it

Il Portale delle Merci Pericolose

Newsletter

Trasporti, REACH, CLP
tutte le NEWS gratuite

ISCRIVITI SUBITO!

News Luglio 2002

La direttiva 1999/45/CE relativa alla classificazione, imballaggio ed etichettatura dei preparati pericolosi deve essere recepita entro il 30 luglio 2002 dagli Stati membri della C.E..
L’Italia, come pure vari altri Paesi comunitari, è in ritardo nel recepimento nazionale perché non sono stati rispettati i termini previsti dalla legge delega indirizzata al Ministero della Salute.
E’ probabile che la direttiva venga recepita con la prossima legge comunitaria e che quindi il decreto emanato entri in vigore a partire all’inizio del 2003.
Segnaliamo alle aziende che sono presenti nei mercati dei seguenti Paesi della C.E.:
· Danimarca
· Germania
· Olanda
· Finlandia
· Svezia
che nei suddetti Stati la direttiva è già stata completamente recepita.
Considerato che le autorità di controllo dei suddetti Paesi concedono tempistiche differenti per l’adeguamento alle nuove disposizioni legislative, prima di prendere azioni legali nei confronti dei responsabili dell’immissione in commercio, riteniamo che sia necessario adeguare, nel più breve tempo possibile, le etichette di pericolo e le schede dati di sicurezza dei preparati pericolosi alle disposizioni della 1999/45/CE.

Il D.L. 138 dell’8 Luglio 2002 riporta tra le disposizioni varie, all’art.14, un’interpretazione autentica del Governo in merito al concetto di rifiuto con particolare riferimento alla distinzione tra rifiuti e residui di produzione.

Non sono rifiuti quei residui (di produzione o di consumo) che:

· possono essere riutilizzati nel medesimo o in analogo o diverso ciclo produttivo o di consumo, senza subire alcun intervento preventivo di trattamento e senza recare pregiudizio all'ambiente;

· riutilizzati nel medesimo o in analogo o diverso ciclo produttivo o di consumo, dopo aver subito un trattamento preventivo senza che si renda necessaria alcuna operazione di recupero tra quelle individuate nell'allegato C del d.lgs n. 22.

Potrete trovare un estratto del Decreto in allegato.

Chi fosse interessato ad approfondire questo aspetto essenziale della definizione di rifiuto potrà trovare argomentazioni sicuramente più articolate nell’interessantissima e recente sentenza C-9/00 della Corte di Giustizia Europea del 18 aprile 2002.
D.L.138-02 ESTRATTO.pdf

Sottocategorie

2017 - © Flashpoint s.r.l. Tutti i diritti sono riservati. Partita IVA 01479600502

Via Norvegia, 56 int. 20 - 56021 Cascina (PI)
Tel. (+39) 050/716.900 - Fax (+39) 050/716.920 - email: info@flashpointsrl.com
P.zza F. Caltagirone, 75 - 20099 Sesto S. Giovanni (MI)
Tel. (+39) 02/660.43197 - Fax (+39) 02/612.97647
Cap.soc. 50.000 € i.v. - Reg. Impr. di Pisa 7606 - C.CI.A.A R.E.A PI 130782
Sede legale: Via Norvegia, 56 int. 20 - 56021 Cascina (PI)

 Disclaimer & Privacy Codice Etico Sitemap Credits

Il presente sito utilizza i "cookie" per migliorare la navigazione e analizzare il traffico.