Flashpoint: Consulenza e Formazione sulle Merci Pericolose

ADR IMDG IATA  REACH  CLP/GHS  RoHS RAEE

News Luglio 2010

Con l'entrata in vigore dell'ADR 2011 a partire dal 1° gennaio 2011 le merci pericolose imballate in quantità limitata (“LQ” da Limited Quantitites) dovranno essere segnalate con il seguente nuovo marchio:

marchio

Le dimensioni minime del marchio devono essere di 100 mm x 100 mm e lo spessore minimo della linea che disegna una losanga deve essere pari a 2 mm. Se la dimensione dell’imballaggio lo esige, la dimensione può essere ridotta ad almeno 50 mm x 50 mm a condizione che il marchio rimanga chiaramente visibile. Si segnala che in deroga alle disposizioni del capitolo 3.4 applicabili dal 1° gennaio 2011, le merci pericolose imballate in quantità limitate, diverse da quelle cui è assegnata la cifra “0” nella colonna (7a) della Tabella A del capitolo 3.2, potranno continuare ad essere trasportate fino al 30 giugno 2015 conformemente alle disposizioni del capitolo 3.4 in vigore fino al 31 dicembre 2010.
Pubblicata la monografia n. 100 dell'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) che rivaluta, sulla base dei nuovi studi epidemiologici, tossicologici e dei test in vitro i dati di cancerogenicità degli agenti classificati nel gruppo 1 (cancerogeni certi per l'uomo).
Gli agenti cancerogeni rivalutati da parte della IARC sono stati suddivisi nelle parti seguenti:

A. Farmaci
B. Agenti biologici
C. Metalli, Arsenico, Polveri e Fibre
D. Radiazioni
E. Fattori legati allo stile di vita
F. Agenti chimici e occupazioni correlate

Per ogni agente cancerogeno sono stati esaminati i nuovi dati derivanti dagli studi epidemiologici, dalla sperimentazione sugli animali e dai test in vitro. Lo scopo della monografia è quello di confermare la classificazione nel gruppo 1 aggiungendo informazioni ulteriori relative agli organi bersaglio e ai meccanismi di azione.
In particolare segnaliamo che la formaldeide è stata confermata cancerogena per l’uomo a seguito di prove che evidenziano la generazione di tumori a carico della parte nasofaringea e di leucemia mieloide.
L'Istituto Superiore di Sanità ha messo a disposizione gratuitamente un database concernente la classificazione delle sostanze pericolose secondo il Regolamento n.1272/2008 (CLP) e secondo la direttiva 67/548/CEE. In particolare il database contiene 104.853 sostanze di cui 3608 classificate ed etichettate.
Nella G.U. n. 164 del 16 luglio 2010 è stato pubblicato il Decreto 16 giugno 2010 concernente l’approvazione delle linee guida per l'istituzione di un Master universitario di secondo livello in REACH. Il decreto è stato emanato a seguito della delibera dell’8 settembre 2009 del Comitato Tecnico di Coordinamento REACH - Gruppo di Lavoro Formazione e Informazione del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali con la quale la Società Chimica Italiana è stata incaricata di predisporre le linee guida per l'istituzione di un Master Universitario di II livello REACH, destinato a preparare tecnici competenti nelle tematiche trattate dal Regolamento REACH.
Pertanto, a decorrere dall'anno accademico 2009/2010, le Università italiane possono istituire il corso di Master universitario di secondo livello in REACH nel rispetto delle linee guida allegate al suddetto decreto.

DM_MIUR_16_06_10.pdf
DM_16_07_10.pdf
Aggiornamento della valutazione della sicurezza chimica (CSA) ed aggiornamento dello strumento Chesar alla versione 1.1, che permette finalmente di creare una relazione sulla sicurezza chimica completa (CSR).
L'ECHA ha ritirato la Pratical Guide n.11, pubblicata il 22 giugno 2010, relativa all'identificazione della sostanza ed in particolare alla valutazione delle diverse forme cristalline delle sostanze inorganiche. La decisione è stata presa sulla base dei riscontri avuti dagli "stakeholders" dal momento che alcune parti della guida si prestavano ad interpretazioni errate e generavano quindi confusione nei soggetti interessati.
La questione chiave consiste nel comprendere se è necessaria una registrazione separata qualora le sostanze abbiano differenti
forme cristalline. L'ECHA sta rivedendo la Guida per cercare di eliminare l'ambiguità nell'ottica di una rapida ripubblicazione.
E' disponibile una nuova versione del Technical Completeness Check (TCC).
Lo strumento TCC IUCLID 5 consente il controllo della completezza dei dossiers di registrazione REACH e delel notifiche PPORD prima di presentarli all'ECHA. Questa nuova versione aumenta la precisione del TCC e delle Business Rules già disponibili nelle precedenti versioni.

Sottocategorie

2017 - © Flashpoint s.r.l. Tutti i diritti sono riservati. Partita IVA 01479600502

Via Norvegia, 56 int. 20 - 56021 Cascina (PI)
Tel. (+39) 050/716.900 - Fax (+39) 050/716.920 - email: info@flashpointsrl.com
P.zza F. Caltagirone, 75 - 20099 Sesto S. Giovanni (MI)
Tel. (+39) 02/660.43197 - Fax (+39) 02/612.97647
Cap.soc. 50.000 € i.v. - Reg. Impr. di Pisa 7606 - C.CI.A.A R.E.A PI 130782
Sede legale: Via Norvegia, 56 int. 20 - 56021 Cascina (PI)

 Disclaimer & Privacy Codice Etico Sitemap Credits

Il presente sito utilizza i "cookie" per migliorare la navigazione e analizzare il traffico.