Flashpoint: Consulenza e Formazione sulle Merci Pericolose

ADR IMDG IATA  REACH  CLP/GHS  RoHS RAEE

mercipericolose.it

Il Portale delle Merci Pericolose

Newsletter

Trasporti, REACH, CLP
tutte le NEWS gratuite

ISCRIVITI SUBITO!

News Settembre 2015

15 sostanze SVHC prioritarie per l'autorizzazione

ECHA ha individuato 15 sostanze SVHC come prioritarie per l'inserimento nell'allegato XIV di REACH, ovvero nell'elenco delle sostanze soggette ad autorizzazione.
La decisione finale in merito all'inclusione delle sostanze nell'allegato XIV sarà presa dalla Commissione europea in collaborazione con gli Stati membri e il Parlamento europeo.
In allegato l'elenco delle sostanze in questione con un esempio di uso.

Biocidi: dal 1 settembre solo fornitori riconosciuti

Si ricorda che a decorrere dal 1 settembre 2015 un biocida non è messo a disposizione sul mercato se il fabbricante o l'importatore del principio attivo o dei principi attivi contenuti nel prodotto o, se del caso, l'importatore del biocida, non sono iscritti nell'elenco di cui all'articolo 95 del regolamento biocidi per quello specifico product type. La lista aggiornata dei fornitori riconosciuti è consultabile sul sito di ECHA.

Consultazioni pubbliche su proposte CLH

Avviata la consultazione pubblica sulla proposta di classificazione e dell'etichettatura armonizzata per le sostanze:

Substance name  
EC number CAS number
Start of consultation
Deadline for
commenting 
acetaldehyde; ethanal 200-836-8 75-07-0 28/07/2015 11/09/2015
isopropyl (2E,4E,7S)-11-methoxy-3,7,11-trimethyldodeca-2,4-dienoate; S-methoprene - 65733-16-6 28/07/2015 11/09/2015

 

Nuove sostanze SVHC: Consultazione pubblica

Pubblicate sul sito dell'ECHA le informazioni relative a 7 potenziali sostanze altamente problematiche (vedi tabella) che potrebbero essere inserite in Candidate List per l'autorizzazione.
La consultazione pubblica terminerà il 15 ottobre 2015.

Name EC number CAS number Reason for proposing
1,3-propanesultone 214-317-9 1120-71-4 Carcinogenic (Article 57 a)
2,4-di-tert-butyl-6-(5-chlorobenzotriazol-2-yl)phenol (UV-327) 223-383-8 3864-99-1 vPvB (Article 57 e)
2-(2H-benzotriazol-2-yl)-4-(tert-butyl)-6-(sec-butyl)phenol (UV-350)) 253-037-1 36437-37-3 vPvB (Article 57 e)
Dicyclohexyl phthalate 201-545-9 84-61-7 Toxic for reproduction (Article 57 c); Equivalent level of concern having probable serious effects to human health and the environment (Article 57 f)
hexamethylene diacrylate (hexane-1,6-diol diacrylate) 235-921-9 13048-33-4 Equivalent level of concern having probable serious effects to human health and the environment(Article 57 f)
Nitrobenzene 202-716-0 98-95-3 Toxic for Reproduction (Article 57 c)
Perfluorononan-1-oic acid (2,2,3,3,4,4,5,5,6,6,7,7,8,8,9,9,9-heptadecafluorononanoic acid and its sodium and ammonium salts 206-801-3 375-95-1
21049-39-8
4149-60-4
Toxic for Reproduction (Article 57 c);
PBT (Article 57 d)

 

Guida al CLP e alla compilazione delle SDS

Si segnala che sono state pubblicate:

  • la versione 2.1 dell' Introductory Guidance on the CLP Regulation; questo aggiornamento si limita a prendere in considerazione l'entrata in vigore dal 1° giugno 2015 del regolamento CLP per quanto concerne le miscele e la fine del periodo di transizione per la classificazione, l'etichettatura e l'imballaggio delle miscele conformemente alla precedente legislazione.
  • la versione 3.0 della Guidance on the compilation of safety data sheets. L'aggiornamento contempla anche la modifica dell'allegato II al regolamento REACH, apportata ai sensi del regolamento (UE) 2015/830 del 28 maggio 2015.

E' stata, inoltre, pubblicata la versione 4.0 della Guidance on Information Requirements and Chemical Safety Assessment Chapter R.7a: Endpoint specific guidance. Le modifiche interessano le sezioni R.7.2 " Skin corrosion/irritation, Serious eye damage/eye irritation, and Respiratory tract corrosion/irritation " e R.7.6 "Reproductive toxicity ".

Al momento le revisioni sono tutte disponibili nella sola versione inglese.

Olio essenziale: Guida all'identificazione

Pubblicate le Guidelines on Substance Identification and Sameness of Natural Complex Substances (NCS) (NCS).
Si definisce olio essenziale la parte volatile di un prodotto naturale, che può essere ottenuta tramite distillazione, distillazione a vapore o spremitura, nel caso degli agrumi. Gli oli essenziali contengono soprattutto idrocarburi volatili e sono ottenuti da diverse parti di piante. L'olio viene definito "essenziale" perché contiene un profumo distintivo, o essenza, della pianta.
È possibile ricevere ulteriori informazioni presso la Federazione europea degli oli essenziali (European Federation of Essential Oils, EFEO) e l'Associazione internazionale dei produttori di profumi (International Fragrance Association, IFRA).

Chesar tutorial. Chesar Box 4 – Exposure scenario building and CSR

Si segnala il video tutorial che illustra come redigere con CHESAR l' exposure scenario e il chemical safety report.

Consultazione pubblica su domande di autorizzazione

ECHA ha aperto la consultazione pubblica su richieste di autorizzazione relative alle sostanze 1,2-Dichloroethane (EDC), Chromium trioxide, Sodium chromate e Sodium dichromate.
Le parti interessate possono inviare commenti tramite il modulo sul sito web dell'ECHA entro il 07/10/2015.

 

Le informazioni sono tratte da http://echa.europa.eu

E' stato pubblicato il Decreto Legislativo 26 giugno 2015, n.105 (Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 161 del 14/07/2015) recante l'attuazione della direttiva 2012/18/UE relativa al controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose (Seveso III).

Numerose le novità da segnalare, ecco un riassunto delle più importanti:

  • Con piacere vi informiamo che l'Italia ha firmato l'Accordo Multilaterale M284, tale accordo prevede di estendere l'esenzione prevista dal 2.2.3.1.5 ADR ai liquidi viscosi che sono anche pericolosi per l'ambiente se trasportati in imballaggi contenenti una quantità netta fino a 5 litri. Tale esenzione è di grande interesse per le imprese italiane e in particolar modo per il settore pitture e vernici. Segnaliamo che Flashpoint ha supportato attivamente Assovernici nella richiesta di adozione dell'Accordo M284 al MIT. L'accordo scadrà il 1 gennaio 2017.

  • L'Italia ha firmato l'Accordo Multilaterale M273 relativo alle dimensioni della marcatura sulle bombole in deroga alle prescrizioni del 5.2.1.1 ADR applicabile dal 1 gennaio 2013. L'accordo scadrà il 1 luglio 2018.

  • L'Italia ha riconosciuto applicabile un codice tecnico secondo le prescrizioni della sezione 6.2.5 dell'ADR/RID.

  • L'UNECE ha pubblicato la sesta edizione rivista del GHS (Globally Harmonized System of Classification and Labelling of Chemicals) anche noto come "Purple Book". La nuova edizione prevede, tra l'altro, una nuova classe di pericolo per esplosivi desensibilizzati e una nuova categoria di pericolo per i gas piroforici.

  • E' stata pubblicata sul sito dell'UNECE la nota C.N.445.2015.TREATIES-XI.B.14 con la quale è comunicata l'approvazione delle correzioni agli allegati A e B dell'Accordo ADR come proposto nella nota C.N.371.2015.TREATIES.

  • Sono disponibili sul sito dell'UNECE le Istruzioni scritte in polacco, finlandese, ungherese, lituano e serbo conformi al 5.4.3 come modificato dall'edizione 2015 dell'Accordo ADR.

E' stato pubblicato il Regolamento (UE) 2015/1221 della Commissione del 24 luglio 2015 (G.U. dell'Unione Europea L197 del 25/07/2015) che modifica il regolamento CLP ai fini dell'adeguamento al progresso tecnico e scientifico.
In particolare viene modificato l'allegato VI del CLP con la modifica di 12 classificazioni armonizzate (tra cui quella dell'acido nitrico) e l'aggiunta di 20 voci.
Le modifiche così apportate si applicano alle sostanze e alle miscele a decorrere dal 1 gennaio 2017.

Si segnala inoltre la pubblicazione:

  • della rettifica del regolamento 605/2014 (VI ATP al CLP). La rettifica va a correggere un errore nell'articolo 2 paragrafo 3, sostituendo la parola "sostanze" con "miscele";
  • del testo consolidato del regolamento CLP, tale documento, pur non avendo valore legale, è uno strumento molto pratico perché presenta il testo così come modificato dai primi sei ATP.

Si segnala la pubblicazione della Legge 6 agosto 2015, n. 125 (GU Serie Generale n.188 del 14-8-2015 - Suppl. Ordinario n. 49) conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali.
In particolare si segnala l'aggiunta all'articolo 7 del comma 9-ter con il quale vengono stabiliti i criteri di attribuzione della HP14, allineandoli con i criteri previsti dall'ADR:
"9-ter. Allo scopo di favorire la corretta gestione dei Centri di raccolta comunale per il conferimento dei rifiuti presso gli impianti di destino, nonché per l'idonea classificazione dei rifiuti, nelle more dell'adozione, da parte della Commissione europea, di specifici criteri per l'attribuzione ai rifiuti della caratteristica di pericolo HP 14 "ecotossico", tale caratteristica viene attribuita secondo le modalità dell'Accordo europeo relativo al trasporto internazionale delle merci pericolose su strada (ADR) per la classe 9 - M6 e M7..."

Questo riporta ai criteri utilizzati per l'attribuzione della H14, contraddicendo quanto previsto dal Regolamento 1357/2014 per l'attribuzione della HP14.

Sottocategorie

2017 - © Flashpoint s.r.l. Tutti i diritti sono riservati. Partita IVA 01479600502

Via Norvegia, 56 int. 20 - 56021 Cascina (PI)
Tel. (+39) 050/716.900 - Fax (+39) 050/716.920 - email: info@flashpointsrl.com
P.zza F. Caltagirone, 75 - 20099 Sesto S. Giovanni (MI)
Tel. (+39) 02/660.43197 - Fax (+39) 02/612.97647
Cap.soc. 50.000 € i.v. - Reg. Impr. di Pisa 7606 - C.CI.A.A R.E.A PI 130782
Sede legale: Via Norvegia, 56 int. 20 - 56021 Cascina (PI)

 Disclaimer & Privacy Codice Etico Sitemap Credits

Il presente sito utilizza i "cookie" per migliorare la navigazione e analizzare il traffico.