Calendario Corsi

Ogni data contrassegnata da un quadrato colorato prevede un corso, clicca su tale data per vedere di che corso si tratta!

Corso preparazione all’Esame di Consulente ADR Corso IMDG Code Novità ed. 2016 Corso norme per il corretto fissaggio del Carico Corso utilizzo degli Scenari di Esposizione Corso DGR IATA 2018 Seminario presentazione Novità ADR 2019
CHIUDI
flashpoint_produzione_uso_chemicals

PRODUZIONE E/O USO CHEMICALS/ARTICOLI

I principali adempimenti

Quali sono i soggetti che rientrano in questa casistica?

  1. Utilizzatore di chemicals nel ciclo produttivo (utilizzatore di sostanze/miscele per la fabbricazione di nuove sostanze/miscele/articoli).
  2. Produttore articoli (produzione articoli a partire da articoli semplici e/o sostanze e/o miscele).
  3. Fabbricante sostanze (sintesi di nuove sostanze).
  4. Formulatore miscele (creazione di nuovi formulati: prodotti chimici, vernici, inchiostri, adesivi, detergenti, cosmetici (bulk), ecc… ).
  5. Formulatore cosmetico finito (creazione cosmetici pronti alla vendita al pubblico).

 

1. Utilizzatore di chemicals nel ciclo produttivo

Analisi delle SDS/eSDS delle sostanze e miscele utilizzate nel ciclo produttivo.

Obbligo derivante dal Decreto legislativo n. 81/2008

Valutazione delle SDS ed eSDS delle materie prime utilizzate nel proprio ciclo produttivo ai fini di una corretta valutazione dei rischi nell’ambiente di lavoro.

 

2. Produttore articoli

Analisi delle sostanze contenute e/o rilasciate in fase di utilizzo dell’articolo.

Obblighi derivanti dal regolamento REACH
  • Analisi dell’articolo per valutare se trattasi di “articolo semplice” o “articolo complesso”.
  • Comunicazione delle informazioni sulle sostanze SVHC per l’uso in sicurezza dell’articolo agli utilizzatori/distributori industriali e professionali e, su richiesta, al consumatore in caso di sostanze SVHC contenute in concentrazione >0,1% p/p nelle diverse parti omogenee che compongono l’articolo.
  • Notifica delle SVHC se il quantitativo totale contenuto negli articoli immessi sul mercato è superiore a 1 tonnellata/anno ed in concentrazione >0,1% p/p nelle diverse parti omogenee che compongono l’articolo.
  • Verifica dell’applicabilità di eventuali restrizioni da Allegato XVII.
  • Registrazione delle sostanze contenute in caso di sostanze rilasciate intenzionalmente (ovvero come funzione accessoria) durante l’uso se presenti in quantitativi >1 tonnellata/anno.
Obblighi derivanti dalle normative specifiche di prodotto:
Elettronico – Direttiva RoHS II
  • Verifica campo di applicazione.
  • Verifica esenzioni in allegato III e IV.
  • Verifica restrizioni sostanze in allegato II.
  • Dichiarazione di conformità CE.
  • Marcatura CE.
  • Elaborazione fascicolo tecnico.

 

3. Fabbricante Sostanze

Obblighi derivanti dal regolamento REACH
  • Registrazione delle sostanze se fabbricate in quantitativi ≥ 1 tonnellata/anno.
  • Redazione di SDS/eSDS/scheda informativa.
Obblighi derivanti dal regolamento CLP
  • Notifica CLP da art. 40 della sostanza pericolosa per il CLP.
  • Redazione di etichetta di pericolo CLP.
Obbligo derivante dal Decreto legislativo n. 81/2008
  • Valutazione delle eSDS delle materie prime utilizzate nel proprio ciclo produttivo ai fini di una corretta valutazione dei rischi nell’ambiente di lavoro.
Obblighi derivanti dai regolamenti ADR/RID, IMDG, IATA
  • Classificazione per il trasporto delle sostanze messe in spedizione (ADR, RID, IMDG, IATA).
  • Redazione di istruzioni operative per la corretta gestione e spedizione delle sostanze.
  • Confezionamento conforme alle istruzioni di imballaggio applicabili.
  • Compilazione dei documenti di trasporto (DDT ADR, Multimodal Dangerous Goods Form, Shipper’s Declaration).
  • Idoneità veicolo ed autista.
  • Formazione degli addetti coinvolti.

 

4. Formulatore di Miscele

Analisi delle materie prime utilizzate e delle miscele immesse sul mercato.

Obblighi derivanti dal regolamento REACH

Redazione di SDS/eSDS/scheda informativa.

Obblighi derivanti dal regolamento CLP
  • Redazione etichetta di pericolo CLP.
  • Eventuale notifica CLP da art. 45.
  • Indicazione tattile e chiusura di sicurezza (eventuali) per i bambini se gli imballaggi sono destinati al consumatore.
Obblighi derivanti dalle normative specifiche di prodotto

BIOCIDI

  • Autorizzazione del prodotto biocida secondo il regolamento 528/2012 (BPR) se tutte le sostanze attive sono approvate.
  • Registrazione dei “prodotti biocidi transitori” secondo la legislazione nazionale del Paese UE di interesse.
  • Registrazione come Presidio Medico Chirurgico (PMC) se il prodotto biocida rientra nel campo di applicazione del del D.P.R. 392/1998 (periodo transitorio, almeno una sostanza attiva non ancora approvata ma inclusa nel programma di revisione del BPR).

DETERGENTI

  • Etichettatura degli ingredienti secondo il regolamento 648/2004.
  • Scheda tecnica degli ingredienti secondo allegato VII.C del regolamento 648/2004.
Obbligo derivante dal Decreto legislativo n. 81/2008

Valutazione delle eSDS delle materie prime utilizzate nel proprio ciclo produttivo ai fini di una corretta valutazione dei rischi nell’ambiente di lavoro.

Obblighi derivanti dai regolamenti ADR/RID, IMDG, IATA
  • Classificazione per il trasporto delle sostanze messe in spedizione (ADR, RID, IMDG, IATA)
  • Redazione di istruzioni operative per la corretta gestione e spedizione delle sostanze.
  • Confezionamento conforme alle istruzioni di imballaggio applicabili.
  • Compilazione dei documenti di trasporto (DDT ADR, Multimodal Dangerous Goods Form, Shipper’s Declaration).
  • Idoneità veicolo ed autista.
  • Formazione degli addetti coinvolti.

 

5. Formulatore di Cosmetico finito

In caso di formulazione di cosmetici in bulk fare riferimento al punto 4. Formulatore di miscele.

Obblighi derivanti dalla normativa specifica di prodotto
  • Notifica al CPNP.
  • Etichettatura secondo regolamento 1223/2009.
  • Preparazione PIF.
  • Redazione di SDS/eSDS/scheda informativa.
Obblighi derivanti dai regolamenti ADR/RID, IMDG, IATA
  • Classificazione per il trasporto delle sostanze messe in spedizione (ADR, RID, IMDG, IATA).
  • Redazione di istruzioni operative per la corretta gestione e spedizione delle sostanze.
  • Confezionamento conforme alle istruzioni di imballaggio applicabili.
  • Compilazione dei documenti di trasporto (DDT ADR, Multimodal Dangerous Goods Form, Shipper’s Declaration)
  • Idoneità veicolo ed autista.
  • Formazione degli addetti coinvolti.

Di seguito i servizi di consulenza ed i corsi di formazione che proponiamo:

Vuoi saperne di più?

Contatta un nostro consulente