Calendario Corsi

Ogni data contrassegnata da un quadrato colorato prevede un corso, clicca su tale data per vedere di che corso si tratta!

Corso preparazione all’Esame di Consulente ADR Corso IMDG Code Novità ed. 2016 Corso norme per il corretto fissaggio del Carico Corso utilizzo degli Scenari di Esposizione Corso DGR IATA 2018 Seminario presentazione Novità ADR 2019
CHIUDI
Acquisto_prodotti_da_Extra_UE_flashpoint

ACQUISTO PRODOTTI DA EXTRA UE

I passi per raggiungere la conformità

Chi sono i soggetti che acquistano prodotti (sostanze, miscele o articoli) da Paesi extra UE?

  1. Importatore di articoli (importazione di articoli finiti che vengono rivenduti tal quali o di articoli che vanno a costituire articoli più complessi).
  2. Importatore di sostanze e/o miscele (importazione di sostanze o miscele per la fabbricazione di nuove sostanze/miscele/articoli oppure la rivendita a proprio marchio).

 

1. Importatore di Articoli

Analisi delle SDS delle eventuali sostanze rilasciate in fase di utilizzo dell’articolo.
Analisi delle SDS delle sostanze/miscele con le quali l’articolo è stato prodotto.
Analisi dei disegni tecnico-costruttivi relativi all’articolo.
Analisi della BOM (Bill of material).

Obblighi derivanti dal regolamento REACH
  • Analisi dell’articolo per valutare se trattasi di “articolo semplice” o “articolo complesso”.
  • Comunicazione delle informazioni sulle sostanze SVHC per l’uso in sicurezza dell’articolo ai distributori e agli utilizzatori industriali e professionali e, su richiesta, al consumatore in caso di sostanze SVHC contenute in concentrazione > 0,1% p/p nelle diverse parti omogenee che compongono l’articolo.
  • Notifica delle SVHC se il quantitativo totale contenuto negli articoli immessi sul mercato è superiore a 1 tonnellata/anno ed in concentrazione > 0,1% p/p nelle diverse parti omogenee che compongono l’articolo.
  • Verifica dell’applicabilità di eventuali restrizioni relative a sostanze incluse nell’Allegato XVII.
  • Registrazione delle sostanze contenute in caso di sostanze rilasciate intenzionalmente (ovvero il rilascio è una funzione accessoria) durante l’uso se presenti in quantitativi > 1 tonnellata/anno.
Obblighi derivanti dalle normative specifiche di prodotto

RoHS II (2011/65/CE) se l’articolo contiene parti elettroniche:

  • Verifica del campo di applicazione.
  • Verifica esenzioni in allegato III e IV.
  • Verifica restrizioni sostanze in allegato II.
  • Dichiarazione di conformità CE.
  • Marcatura CE.
  • Elaborazione fascicolo tecnico.

 

2. Importatore di sostanze e/o miscele

Analisi delle SDS delle sostanze e/o miscele importate.

Obblighi derivanti dal regolamento REACH
  • Registrazione delle sostanze se importate in quantitativi ≥ 1 tonnellata/anno.
  • Redazione di SDS/eSDS/Scheda informativa.
Obblighi derivanti dal regolamento CLP
  • Notifica CLP da art. 40 delle sostanze importate se pericolose per il CLP.
  • Notifica CLP da art. 40 delle sostanze classificate come pericolose ai sensi del CLP che determinano la classificazione di pericolo di una miscela nella quale sono presenti.
  • Redazione etichetta di pericolo CLP.
  • Eventuale notifica CLP da art. 45.
Obblighi derivanti dalle normative specifiche di prodotto:

PRODOTTO ELETTRONICO – DIRETTIVA RoHS II

  • Verifica campo di applicazione.
  • Verifica esenzioni in allegato III e IV.
  • Verifica restrizioni sostanze in allegato II.
  • Dichiarazione di conformità CE.
  • Marcatura CE.
  • Elaborazione fascicolo tecnico.

La Direttiva 2011/65/CE (RoHS II) si applica fatti salvi i requisiti della normativa dell’Unione in materia di sicurezza e di salute e in materia di sostanze chimiche, in particolare il regolamento (CE) n. 1907/2006, e i requisiti della normativa specifica dell’Unione sulla gestione dei rifiuti.

Vuoi saperne di più?

Contatta un nostro consulente